Addio Monte Sole

La foto che vedete è stata scattata all’alba. O quasi. Dopo esserci congedate dagli affezionati che sono passati ieri, sabato. Questo post invece è da fare per chi ieri non c’era e quando passerá, vedrá solo la silhouette bianca di Roulotta disegnata per terra.

Siamo state autorizzate a sostare fino a quando il bar del Poggiolo non sarebbe stato assegnato, abbiamo partecipato al bando, ma nonostante la bellissima brigata che abbiamo messo insieme per proporre eventi fino al 31 dicembre 2020, siamo state scartate, per 1,45 punti su 100. Sí, esattamente. Abbiamo preso 98,55 e i vincitori 100.

Siamo contente di aver presidiato questo luogo, di aver dissetato chi passava con acqua di fonte, altrimenti non disponibile per i bagni sprangati dall’Ente Parco. Perché sí, questo sfizio lasciatelo togliere: al nostro sopralluogo a fine maggio al Poggiolo, il tecnico ci accolse dicendo che aveva appena ricevuto ordini di sprangare tutto, dopo che durante tutti i mesi del lockdown i bagni erano rimasti aperti. E cosí fece, attenendosi a rispettare gli ordini dell’Ente Parco, chiudendoci i bagni davanti agli occhi. E cosí noi, dal primo giugno al 18 luglio siamo rimaste cosí. Con un cartello di chiusura momentanea e la fila di gente a chiederci le chiavi dei bagni.

Siamo felici di aver passato le domeniche accompagnate da musici e artiste dell’Appennino. Di aver goduto del tramonto con gli occhi rivolti a La Creda e a questa valle magica. Di aver ricevuto tanti apprezzamenti e complimenti.

In bocca al lupo ai nuovi gestori!

Evviva il lupo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *